Marzo 4, 2024

52 thoughts on “OMAGGIO A PINO DANIELE

  1. Care amiche e cari amici di Letteratitudine,
    quando ci lascia un artista, scompare un po’ di luce che la sua arte aveva contribuito a generare. E tuttavia rimangono vive le sue opere, stelle accese sul firmamento della bellezza.

  2. Ho sentito l’esigenza di dedicare questo spazio alla memoria di Pino Daniele, invitando i frequentatori del blog a lasciare un commento per commemorare questo grande artista appena scomparso.

  3. Riascolteremo tutti i brani che Pino Daniele ci ha lasciato, ma non potremo mai ascoltare quelli che avrebbe ancora potuto comporre

  4. Condoglianze ai parenti e agli amici più stretti, che piangono la perdita dell’uomo prima ancora di quella dell’artista.

  5. E’ il millenovecentottantuno.
    Giugno, sul finire, sta portando via con sé gli umori di una primavera strana.
    Un’acuta mancanza mi sgomita dentro, quella di ghiaccio, quella del dopo, quella che gli altri ci hanno fatto l‘abitudine e non è più una tragedia, per loro.
    L’invito di quella coppia di amici mi sembra un’eresia.
    Loro insistono: c’è una bella serata, non facciamo tardi, giusto due passi per uscire un po’ di casa.
    Entro in macchina, controvoglia, ma dietro, su questo sono irremovibile.
    Loro due seduti davanti, lontani, lontanissimi, talmente distanti che a stento ne sento le voci.
    Mi lascio condurre, le immagini scorrono davanti al mio naso attaccato al finestrino, mi avvolge la bizzarra sensazione di non avere mai avuto nessuna responsabilità su questa terra, né che mai l’avrò, giusto un grumo di materia vivente trasportata da una parte all’altro senza un progetto.
    La mia amica allunga la mano verso la radio, l’accende e in quell’istante, incredibilmente,
    comincia a piovere fuori e dentro l’abitacolo.
    Fuori, l’acqua scende abbondante rigando i finestrini, dentro, un fiume di parole, mi graffia il cuore:
    – E te sento quanno scinne ‘e scale
    ‘e corza senza guarda’
    ………………………………………..

    E luntano se ne va
    tutt’a vita accussì

    E lontano se ne va, tutta la vita così

    – E aspiette che chiove
    l’acqua te ‘nfonne e va
    tanto l’aria s’adda cagna’

    Non sono nemmeno sicura di capire le parole, ma ho la certezza che l’aria s’adda cagnà.
    Che io lo voglia o no, contro me, nonostante me, l’acqua scorre e pulisce, sfiamma, disinfetta, rende limpida l’aria.
    Al pianto del cielo, al pianto delle note, al pianto di quella voce vagamente in falsetto, roca ma morbida, si unisce il pianto dei miei occhi.
    Un po’ di gelo va via, la musica arriva dove non era riuscito nemmeno il calore dell’estate.
    Pino Daniele. Quannu chiove. Grazie.

  6. Je so’ pazzo, je so’ pazzo
    e vogl’essere chi vogl’io ascite fore d’a casa mia.
    Je so’ pazzo je so’ pazzo
    c’ho il popolo che mi
    aspetta
    e scusate vado di fretta
    non mi date sempre ragione
    io lo so che sono un errore
    nella vita voglio vivere
    almeno un giorno da leone
    e lo Stato questa volta
    non mi deve condannare
    pecché so’ pazzo, je so’
    pazzo
    ed oggi voglio parlare.
    Je so’ pazzo, je so’ pazzo
    si se ‘ntosta ‘a nervatura
    metto tutti ‘nfaccia ‘o muro.
    Je so’ pazzo, je so’ pazzo e
    chi dice che Masaniello
    poi negro non sia più bello?
    E non sono menomato
    sono pure diplomato
    e la faccia nera l’ho dipinta
    per essere notato.
    Masaniello è crisciuto
    Masaniello è turnato.
    Je so’ pazzo, je so’ pazzo
    nun nce scassate ‘o cazzo!

  7. Napule è mille culure
    Napule è mille paure
    Napule è a voce de’ criature
    che saglie chianu chianu e
    tu sai ca nun si sulo.
    Napule è nu sole amaro
    Napule è addore ‘e mare
    Napule è ‘na carta sporca
    e nisciuno se ne importa e
    ognuno aspetta a’ ciorta.
    Napule è ‘na cammenata
    inte viche miezo all’ato
    Napule è tutto ‘nu suonno
    e ‘a sape tutti o’ munno ma
    nun sanno a verità.
    Napule è mille culure
    (Napule è mille paure)
    Napule è ‘nu sole amaro
    (Napule è addore e’ mare)
    Napule è ‘na carta sporca
    (e nisciuno se ne importa)
    Napule è ‘na camminata
    (inte viche miezo all’ato)
    Napule è tutto nu suonno
    (e a’ sape tutti o’ munno)

  8. Tu dimmi quando, quando
    dove sono i tuoi occhi e la tua bocca
    forse in Africa che importa.

    Tu dimmi quando, quando
    dove sono le tue mani ed il tuo naso
    verso un giorno disperato
    ma io ho sete
    ho sete ancora.

    Tu dimmi quando, quando
    non guardarmi adesso amore
    sono stanco
    perché penso al futuro.
    Tu dimmi quando, quando
    siamo angeli
    che cercano un sorriso
    non nascondere il tuo viso
    perché ho sete, ho sete ancora.

    E vivrò, sì vivrò
    tutto il giorno per vederti andar via
    fra i ricordi e questa strana pazzia
    e il paradiso, che non esiste
    chi vuole un figlio non insiste.

    Tu dimmi quando, quando
    ho bisogni di te almeno un’ora
    per dirti che ti odio ancora.

    Tu dimmi quando, quando
    lo sai che non ti avrò e sul tuo viso
    sta per nascere un sorriso
    ed io ho sete, ho sete ancora.

    E vivrò, sì vivrò
    tutto il giorno per vederti andare via
    fra i ricordi e questa strana pazzia
    e il paradiso, che non esiste
    chi vuole un figlio non insiste

  9. Eravamo in un albergo davanti a Castel dell’Ovo. Il tassista si chiamava Ciro e ci portò ovunque senza tassametro. Offerta libera, sorrise a gengive spente.
    Dalla radio imperversava Pino Daniele, e anche a Spaccanapoli, tra i presepi che brillavano di una luce strana e commossa, la sua statuetta era tra quelle della sacra famiglia e dei magi.

  10. Questa città piange fantasmi che l’hanno resa poetica e bellissima, ma non dimentica mai di continuare a ripetere le loro parole.
    Sono sicura che per Pino Daniele sarà come per Totò, per Eduardo, per Troisi.
    Continueranno a esserci.

  11. Un brutto risveglio ieri mattina. Come sempre apro il pc e resto di sasso, sì di sasso come se fosse andato via un amico carissimo, un parente, una parte della mia vita passata. Io l’avevo la cinquecento blu e un padre che non parlava abbastanza, Pino mi sembrava la via per la libertà, per l’affermazione di un sé che faceva fatica a formarsi. Qualcosa però nelle sue parole e nella sua musica mi rendeva come tutti gli altri della mia età, quelli che fuori la scuola giravano con lo Sharp sulle spalle come i rapper neri, con le scarpe colorate e i cappellini con la visiera al contrario. Alle gite di scuola negli autobus si cantava E te sento quanno scinne ‘e scale
    ‘e corza senza guarda’
    e te veco tutt’e juorne
    ca ridenno vaje a fatica’
    ma mo nun ride cchiù. La magia di una certa musica è questa: chiudere gli occhi con la voce di un artista e vedere di nuovo quel sorriso così umano, così sincero, così sofferto e così pieno di amore per la vita. Perché pe’ te ogne cosa po’ parla’
    …ogni cosa po’ parlà Pino, per te, grazie di averci accompagnato per un lunghissimo tratto di strada.

  12. Scusate vi ho messo alcune fra le più belle così per condividere, finendo con Putesse essere allero….
    putesse essere allero cu na parola sola
    ca me desse calore senza me fà’
    sunnà’.

    Grazie Massimo per questo ricordo dedicato al grandissimo Pino Daniele

  13. Qualcuno ha detto che la grandezza di un artista si misura quando viene meno.
    Tutti noi abbiamo avuto la dimostrazione che Pino Daniele è stato uno dei più grandi.

  14. La sua musica sta suonando ovunque dal Nord al Sud del paese.
    E’ una cosa che mette i brividi.

Comments are closed.